Azienda Agricola F.lli Esposto Società Agricola Via Molino, 58/60 - 25045 Castegnato (Bs)
Articolo
Torna a Rassegna stampa Torna a Rassegna stampa
CASTEGNATO    (Brescia)    -    «La    Franciacorta    è    quel    territorio    in provincia    di    Brescia    ben    noto    per    i    suoi    vini,    ma    che,    una    volta all'anno,   si   tinge   di   bianco,   almeno   per   quanto   riguarda   il   Comune   di Castegnato.    In    questa    località,    infatti,    ha    luogo    una    rassegna specialistica dedicata ai consumatori del   latte   e   dei   suoi   derivati.   La   manifestazione   si   è   imposta   in   breve all'attenzione   del   pubblico   ed   è   dovuta   ad   una   coraggiosa   iniziativa   di Riccardo Lagorio, assessore alle Attività produttive». Scriveva   così   Giorgio   Onesti,   scopritore   di   cose   buone   senza   eguali, ahinoi    prematuramente    scomparso    e    a    ragione    considerato    uno    dei padri   nobili   dell'enogastronomia   tricolore.   Onesti,   palato   raffinato   e ricercatore    infaticabile,    nel    suo    lavoro    aveva    un    unico    obbiettivo: ridare   coraggio   e   dignità   a   quei   piccoli   produttori   che,   all'opera   nei posti più sperduti d'Italia, di fronte all'avanzare dell'omologazione   del   gusto   vedevano   spegnersi,   giorno   dopo   giorno,   le loro speranze di sopravvivenza e, sfiduciati, meditavano di lasciare. Tra   le   iniziative   sul   cui   futuro   aveva   scommesso,   c'era   «Franciacorta in   bianco».   E   aveva   visto   giusto.   Prova   ne   sia   che   la   manifestazione, che   si   inaugura   questa   mattina   a   Castegnato   (info,   030.2146837)   e   che proseguirà   fino   a   domenica   sera,   oggi   è   considerata   «la   più   autorevole passerella   dell'arte   casearia   italiana».   E   allora,   in   questo   week-end, come   non   dirigersi   in   quella   Franciacorta   dove   Sua   Maestà   il   cacio verrà celebrato in modo regale? Cosa    troverete?    Oltre    a    convegni    e    degustazioni    guidate    (da    non perdere,   domani   alle   18,   «Grandi   formaggi   d'alpeggio   a   confronto»   con assaggi   di   Tombea,   Bagoss,   Gavia,   Silter,   Nostrano   della   Valtrompia   e Pertiche,    e    domenica    alle    15,    «Formaggi    perduti»    con    autentiche «chicche»   come   il   Fiore   molle   della   Valnerina,   il   Panerone   di   Lodi,   la Provola   di   Floresta   e   il   Salignon),   l'evento   offrirà   l'opportunità   di conoscere oltre 400 tipi di formaggi di tutta Italia. Altri   indirizzi?   Per   procurarsi   una   farina   da   polenta   da   primato   (ma anche   per   pane   e   dolci)   la   sosta   è   dai   fratelli   Esposto   di   Castegnato (nella   foto),   per   piatti   divini   le   mete   sono   il   «Miramonti   l'altro»   di Concesio   e   il   «Due   colombe»   di   Rovaio,   per   un   bicchiere   d'autore   la cantina     è     «Monterossa»     (tel.     030.725066),     il     cui     Franciacorta Cabochon   Brut   1999,   proprio   in   questi   giorni,   è   stato   consacrato   «Re» delle bollicine d'Italia dalla «Guida ai vini» del Gambero Rosso.
Festival del formaggio: il bresciano va in bianco Il Giorno 10/10/03