Azienda Agricola F.lli Esposto Società Agricola Via Molino, 58/60 - 25045 Castegnato (Bs)
Articolo
Torna a Rassegna stampa Torna a Rassegna stampa
I   prodotti   tipici   si   conservano   ma   si   possono   anche   pazientemente restaurare    come    una    cassapanca    d'epoca.    È    il    caso    della    Antica polenta   bresciana   che   rinasce   quest’anno   in   piccolissima   quantità   e grazie   ad   un   lavoro   che   a   richiesto   rigore   scientifico   e   una   buona   dose di   manualità.   Il   risultato   è   una   farina   bruna   che   offre   un   prodotto sapido   e   rustico.   La   tipicità   del   prodotto   bresciano   aumenta   per   la scelta   innovativa   di   un   cultivar   di   granoturco   del   tutto   inconsueto.   I «restauratori»   di   Castegnato   dell'Antica   Polenta   Bresciana,   la   novità è   fresca   come   una   polenta   appena   cavata   dal   fuoco   e   Versata   sul tagliere,   hanno   infine   optato   per   il   cultivar   Belgrano,   abbandonando il   Nostrano   dell’Isola   che   aveva   dato   vita   alla   prima   edizione   della nostra polenta. Si è seguita quindi una strada   diversa   da   quella   della   celebre   polenta   di   Storo   che   fa   leva   in sostanza sul Maranello. Novità   di   questi   giorni   è   inoltre   che   la   polenta   ha   un   marchio   che vediamo   in   fotografia.   C'è   anche   una   controetichetta   come   per   un prodotto   a   denominazione   di   origine   protetta   che   si   rispetti   come   la polenta   diventerà   anche   se   non   lo   è   ancora.   Nella   controetichetta   si legge    che    è    prodotta    con    mais    Belgrano    Bresciano    nella    zona    di Castegnato   dall'azienda   agricola   F.lli   Esposto.   La   polenta   come   uno champagne,   un   po'   anche   nel   prezzo.   Le   prime   confezioni   di   polenta bresciana   sono   in   vendita   a   8   mila   lire,   più   o   meno   il   doppio   di   una buona   farina   da   polenta   comune.   Ma   in   questo   caso   il   prezzo   è   giusto (ma   promettono   che   calerà)   quanto   meno   perché   di   Belgrano   se   ne raccoglie    giusto    la    metà    di    un    ibrido    ad    alta    resa.    Del    resto    chi pagherebbe un mobile in stile come uno scaffale prodotto in serie? Due    giovani    agricoltori    castegnatesi,    i    fratelli    Vitale    e    Giuseppe Esposto,   in   collaborazione   con   l'assessore   di   quel   comune   Riccardo Lagorio    e    con    la    supervisione    dell’Istituto    sperimentale    per    la cerealicoltura   di   Fiorenzuola   d'Arda,   diedero   inizio   nel   mese   di   marzo ad   un   esperimento   unico   in   Italia,   e   osservato   con   attenzione   da   molti agronomi.    Vennero    seminate    undici    specie    («cultivar»)    di    mais abbandonate    da    tempo,    alcune    addirittura    da    una    cinquantina d'anni,   perché   soppiantate   dagli   ibridi,   specie   ad   altissima   resa   che danno   la   farina   gialla   venduta   normalmente   nei   negozi.   Furono   messi a   dimora   in   filari   distinti   due   chilogrammi   di   semente   di   ognuno   dei seguenti   tipi   di   mais:   Belgrano,   Corniola,   Alired,   Maroso,   Nostrano dell'isola,   Dorotea,   Maranello,   Airasca,   Rustimax,   Orange,   Marano vicentino   e,   per   farne   la   comparazione,   l'ibrido   americano.   Operazione non   facile   perchè   si   deve   evitare   l'impollinazione   incrociata   tra   i   vari cultivar. Dai   dati   di   questo   esperimento   emerge   che   la   resa   media   (in   farina macinata)   dei   due   kg   di   semente   degli   11   «cultivar   puri»,   cioè   non ibridizzati,   è   stata   di   270   kg,   mentre   l'ibrido   americano   ha   reso   555 kg    di    farina.    Per    dare    l'avvio    alla    produzione    dell'antico    mais bresciano,   dopo   le   dovute   valutazioni   degli   esperti,   si   è   deciso   di scegliere   il   cultivar   «Belgrano».   Rispetto   al   Nostrano   dell'Isola   e   allo stesso   Maranello   ha   dato   una   quantità   interessante,   ma   soprattutto un’ottima   resa   in   farina   e   in   particolare   un   basso   grado   di   umidità che   lo   rende   ottimo   per   far   polenta.   Al   Belgrano   l’anno   prossimo   gli agricoltori   Esposto   riserveranno   non   meno   di   10   piò   di   campagna,   poi si vedrà. Gianmichele Portieri
Antica polenta bresciana: un restauro riuscito Giornale di Brescia 22/11/01